I vini veronesi degustati con una guida-sommelier raccontati tra ville rinascimentali, antiche pievi e castelli medioevali

Il vino è il canto della terra verso il cielo (Luigi Veronelli)

La degustazione del vino è un’arte, e la provincia di Verona è da sempre culla di grandi vini e di opere d’arte!

La Valpolicella, bellissima distesa di colline ricoperte di vigneti adagiata alle pendici dei monti Lessini, esposta al sole che ne fa maturare i grappoli di Corvina, Corvinone, Molinara  e Rondinella che sul finire dell’estate colorano il paesaggio di un blu-viola intenso.
Il clima mite, il terreno ben drenato, le marogne che ne caratterizzano il paesaggio, le ville antiche e nuove che la impreziosiscono, i grandi vini rossi che regalano ogni anno emozioni e aromi diversi ai degustatori esperti ed alle persone che semplicemente desiderano sorseggiare un buon vino magari abbinandolo con maestria ad un piatto tipico della tradizione locale. È una terra semplice, amante del buon vino e della buona tavola, dove le tradizioni del passato convivono con tecnologie avanzate per produrre vini eccellenti.

La sponda orientale del Lago di Garda, dove sulle colline soprastanti il paese di Bardolino si produce il vino che ne porta il nome e un olio extra vergine di oliva dal sapore delicato.

Le colline moreniche a sud del Lago di Garda, dove si producono  vini bianchi profumati, quali il Lugana e il Custoza.

L’est veronese, che nella zona di Soave ci regala vini bianchi ottenuti da Garganega e Trebbiano di Soave e nella zona montuosa, dove il terreno si fa vulcanico, ci ha sorpreso recentemente con nuovi vini e spumanti freschi e sapidi ottenuti dalla durella.

TOURS ENOGASTRONOMICI:

(I VINI ELENCATI RAPPRESENTANO IL TERRITORIO, ALTRE TIPOLOGIE DI VINO SARANNO PRESENTATE NELLE SINGOLE CANTINE)